SEGNALAZIONI DI VIOLAZIONI – DIRETTIVA 2019/1937/UE – D.LGS.24/2023 C.D. WHISTLEBLOWING

Il D.Lgs. 10 marzo 2023 n.24 recepisce ed attua la Direttiva (UE) 2019/1937.
Si tratta della disciplina di protezione dei “Segnalanti” (“Whistleblowers”), ovvero delle persone che segnalano violazioni di disposizioni normative nazionali o dell’Unione Europea che ledano l’interesse dell’Azienda, di cui siano venute a conoscenza nell’ambito del proprio contesto lavorativo.

 

Oggetto della segnalazione

 

Le violazioni contemplate nelle categorie di illeciti da segnalare sono pertanto comportamenti, atti o omissioni che:

  • rientrano nell’ambito di applicazione degli atti dell’Unione Europea e nazionali (es. appalti pubblici, servizi…)
  • ledono gli interessi finanziari dell’Unione di cui all’art. 325 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea (es. frodi, attività illegali)
  • riguardano il mercato interno dell’Unione di cui all’art. 26 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea (es. frodi del bilancio dell’UE, attività corruttive…)

 

Chi sono i segnalanti?

 

Le seguenti persone che segnalano informazioni sulle violazioni di cui sono venute a conoscenza nell’ambito del contesto lavorativo:

  • lavoratori subordinati, compresi gli ex dipendenti e i candidati a posizioni lavorative;
  • lavoratori autonomi;
  • lavoratori o i collaboratori che forniscono beni o servizi o che realizzano opere in favore di terzi;
  • liberi professionisti e i consulenti che prestano la propria attività presso aziende;
  • volontari e tirocinanti, retribuiti e non retribuiti;
  • azionisti e persone con funzioni di amministrazione, direzione, controllo, vigilanza o rappresentanza, anche qualora tali funzioni siano esercitate in via di mero fatto.

 

Cosa non è pertinente segnalare?

 

Non rientrano nel campo di applicazione del D.Lgs. 24/2023 le contestazioni, rivendicazioni o richieste:

  • legate ad un interesse di carattere personale del segnalante
  • che attengono esclusivamente ai propri rapporti individuali al lavoro
  • inerenti ai propri rapporti di lavoro con le figure gerarchicamente sovraordinate

Inoltre non è pertinente segnalare violazioni già disciplinate in via obbligatoria dagli atti settoriali che già garantiscono apposite procedure di segnalazione (materia di abusi di mercato, settore bancario, intermediazione finanziaria) e violazioni in materia di sicurezza nazionale, nonché di appalti relativi ad aspetti di difesa o di sicurezza nazionale, a meno che tali aspetti rientrino nel diritto derivato pertinente dell’Unione europea.

 

Come devono essere le segnalazioni?

 

La Segnalazione può essere inviata anche in forma anonima quindi il segnalante potrà decidere se dichiarare o meno il proprio nome e cognome.

Devono essere circonstanziate e costituite da informazioni specifiche e dettagliate, cioè effettuate con un grado di dettaglio sufficiente a consentire agli uffici competenti di procedere alle dovute ed appropriate verifiche ed accertamenti a riscontro della fondatezza dei fatti oggetto di segnalazione.

 

Come viene gestita la segnalazione?

 

Le segnalazioni vengono gestite in maniera tale da garantire e rispettare la massima riservatezza sui soggetti e sui fatti segnalati e l’anonimato dei dati identificativi del segnalante. La gestione e la verifica delle circostanze rappresentate nella segnalazione sono affidate ai soggetti Riceventi nominati dalla Società.

I dati personali contenuti nella segnalazione saranno trattati nel rispetto del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e della normativa privacy applicabile, nel pieno rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, con particolare riguardo alla riservatezza dell’identità dei soggetti coinvolti e alla sicurezza del trattamento.

 

Canali per l’invio delle segnalazioni

 

Le segnalazioni possono essere inviate tramite i seguenti canali:

  • Piattaforma informatica attraverso questo link: https://wb-officinerigamonti.appmynet.it/
  • Posta ordinaria all’indirizzo: Officine Rigamonti S.p.A., via Circonvallazione 9, 13018 Valduggia (VC), c.a. Responsabile “Whistleblowing”
  • Canale orale attraverso la linea telefonica dedicata, al numero 340880095, lasciando un messaggio alla segreteria telefonica e/o richiedendo, al medesimo numero, un incontro diretto con il Responsabile “Whistleblowing”.

 

Gestori delle segnalazioni/Responsabili Whistleblowing

 

  • Paola Girard, HR Manager
  • Elena Pizzi, HR Junior Administration
  • Giorgia Scolaro, Responsabile Amministrazione

 

Per scaricare la procedura Whistleblowing completa cliccare qui.

LE NOSTRE LINEE

RIDUTTORI
DI PRESSIONE

RISCALDAMENTO

ACQUEDOTTISTICA

RACCORDI

SOLARE
SUNSHINE